“Torna Diverso”, presentato a Siracusa il libro di Giuseppe Marzana

112
- Pubblicità -

Inizio festeggiamenti ventennale della fondazione Associazione Rosolinesi in Siracusa e presentazione libro “ Torna diverso” di Giuseppe Marzana

- Pubblicità -

Nell’austero e nobile locale messo a disposizione dall’Associazione Nazionale fra Mutilati ed Invalidi di Guerra e Fondazione, con il patrocinio del Comune di Siracusa e Rosolini, sotto la sapiente organizzazione del Presidente dell’Associazione dei Rosolinesi in Siracusa, Corrado Di Stefano, venerdì 19 ottobre scorso si è svolta una interessante iniziativa avente diversi e rilevanti obiettivi: dare inizio alla celebrazione del ventennale dell’attività dell’Associazione stessa, presentare il libro del concittadino Giuseppe Marzana “emigrato al nord” e riunire nella stessa occasione i Presidenti di altre Associazioni cittadine aventi finalità rilevanti nel quadro culturale.

Ovviamente la parte centrale della serata è stata la presentazione del libro “Torna diverso” dell’amico Pino MARZANA e, in effetti l’attento pubblico che riempiva la sala ha seguito con attento interesse la presentazione stessa, che si è conclusa con la vendita, il cui ricavato l’Autore destinerà a opere meritorie sul territorio.

Ma un aspetto importante dell’incontro è stata la presenza dei Presidenti e di iscritti delle Associazioni: “Per la città che vorrei”, Sergio PILITTERI; Centro Studi “TURIDDU BELLA”, Maria BELLA; ANTEAS, Agostino LA FATA; Ass. Culturale ”Oltre il giardino”, Carla FERRARA; Unione Nazionale Invalidi per Servizio, Corrado DI STEFANO; ANMIS, Aldo LA ROSA; oltre, naturalmente, all’Associazione ospitante, Presidente Corrado DI STEFANO. L’importanza di questa parte dei contenuti della serata, in un momento storico nel quale è difficile l’ascolto fra più soggetti, sta nella intenzione dichiarata dalle sei Associazioni, di perseguire una sinergia di intenti, conferendo ognuno la propria specifica peculiarità, che abbraccia vari campi del vivere civile: la Politica nel senso più nobile del suo significato, la Cultura, nelle infinite forme che essa può assumere; il Volontariato, di cui la Società civile ha tanto bisogno; l’Associazionismo sulla base dell’appartenenza al territorio”. Alla fine della serata è stata donata una targa ricordo all’autore e un libro al relatore Dr. Antonino Risuglia.

 

- Pubblicità -