La Silpol regionale a Rosolini: “L’amministrazione tuteli i vigili colpiti da atti delittuosi”

1106
Direttivo regionale straordinario Silpol (Sindacato italiano lavoratori polizia locale). Da sinistra: Nello Russo (segretario Nazionale), Massimo Mastrosimone (segretario regionale), Giuseppe Gemellaro (segretario provinciale Messina), Nino Fiorenza (segretario provinciale Ragusa), Gaetano Signorelli (segretario provinciale Enna), Salvatore Molè (componente segreteria nazionale), Luigi Cannizzaro (segretario aziendale), Giuseppe Gennaro (segretario provinciale Siracusa).
- Pubblicità -

Si è riunito questa mattina a Rosolini il direttivo regionale straordinario della Silpol (Sindacato italiano lavoratori polizia locale). Obiettivo dei componenti del sindacato, giunti a Rosolini da tutta la Sicilia, è stato quello di manifestare la vicinanza nei confronti dell’ispettore giudiziario Salvatore Latino, al quale, qualche settimana fa, è stata data a fuoco la sua auto davanti all’abitazione di via Algeria. Si tratta del settimo atto intimidatorio nei confronti di un agente del Corpo dei Vigili Urbani di Rosolini da 10 anni a questa parte. Inoltre il sindacato ha invitato il sindaco Corrado Calvo ad intraprendere azioni in tutela e garanzia ai quei vigili colpiti da atti incendiari e di attivarsi, tramite l’Anci, ad impegnare il governo regionale e nazionale a riformare la legge sulla polizia municipale e attivare le risorse necessarie per agevolare i turnover.

- Pubblicità -

“Siamo quì a Rosolini -ha detto Nello Russo, segretario nazionale della Silpol-, per manifestare la vicinanza e solidarietà a Salvatore Latino e a tutti gli agenti del Corpo di Polizia Municipale di Rosolini, per questi atti delittuosi di cui sono stati vittima. Ma siamo quì anche per impegnare l’amministrazione comunale affronti la problematica generale della funzione e del ruolo della polizia municipale, chiamata ad intervenire collaborando con le forze di polizia per la tutela e sicurezza del territorio. Chiederemo al sindaco di attivarsi affinchè possa stipulare delle assicurazioni di garanzia per sostenere nei momenti di difficoltà il collega che rimane vittima di atti delittuosi sfruttando i fondi dell’articolo 108 del codice della strada che consente alle amministrazioni di istituire un fondo di garanzia, previdenza e assistenza per il personale della polizia municipale. Chiederemo altresì al sindaco di intervenire con l’Anci su scala regionale per impegnare il governo affinchè riformi la legge sulla polizia municipale mettendo sullo stesso piano Vigili e Polizia di Stato, impegnando le risorse necessarie per attivare il turnover, cosa che per gli Enti locali è bloccata dalla legge finanziaria. Non può essere che si effettuano 1000 assunzioni l’anno nelle forze di polizia mentre nessuna assunzione, da 15 anni, si è registrata nella polizia municipale e nel Comune in generale. Noi mettiamo la nostra conoscenza a disposizione dei sindaci per lavorare in sinergia”.

- Pubblicità -