- Pubblicità -

La carne è un buon alimento in quanto ricco di proteine nobili, ferro in forma facilmente assimilabile, potassio, magnesio oltre ad essere un ottima fonte di vitamine del gruppo B (soprattutto la vitamina B12, assente nei vegetali). I grassi variano dal 2% (prevalentemente nelle carni bianchi) sino a più del 10% secondo il tipo e il taglio di carne, ed è proprio il contenuto in grassi ad essere spesso chiamato in causa dai detrattori della carne. Come tutti i grassi animali, anche quelli della carne contengono acidi grassi “saturi” che, se assunti in eccesso, svolgono un’azione negativa sul livello di colesterolo e di trigliceridi nel sangue.

- Pubblicità -

Ecco perché è importante chiarire che una normale assunzione di carne, 2-3 volte a settimana, non comporta alcun rischio per la salute. Gli eventuali problemi derivano da un consumo eccessivo che è stato dimostrato, può effettivamente favorire alcune malattie come infarto, arteriosclerosi e disturbi cardiovascolari in genere.

 

Qualsiasi carne si scelga, per sfruttare al meglio i nutrienti e i pregi del gusto, bisogna adottare la giusta cottura:

  • Al forno, l’importante è sigillare bene la carne con una buona rosolatura, per impedire la fuoriuscita dei succhi interni;
  • Ai ferri, senza aggiungere grassi di condimento, a patto che si eviti di carbonizzare le parti più esterne;
  • Lessatura, immergere la carne nell’acqua già bollente per evitare che i nutrienti si perdano nell’acqua di cottura;
  • A vapore è fra tutte il miglior metodo per preservare tute le caratteristiche nutritive.

Affidati sempre ad un professionista della Nutrizione 😉

Dott.ssa Graziana Fava

Dott.ssa Graziana Fava
BIOLOGO NUTRIZIONISTA
351 917 46 46
graziana.fava@biologo.onb.it

- Pubblicità -