Gli otto consiglieri dell’ex maggioranza: “Il sindaco illude la comunità inventando attività mai poste in essere”

2690
- Pubblicità -

“Perdere il lume e il senno nonché la ragione e blaterare al posto di apprezzare, è il segno che l’ego, il protagonismo di chi si erge a capo di un reame e che non si accorge che nulla fa parte della straordinarietà delle cose ma dell’ordinario”.

Inizia così la conferenza stampa che gli 8 consiglieri dell’ex maggioranza hanno organizzato domenica mattina in risposta alle affermazioni “ingiuriose” che sarebbero state esternate nell’ultimo periodo dal sindaco Corrado Calvo “continuando a denigrare e ad apostrofare con epiteti irripetibili chi la pensa diversamente da lui”.

Ultimo atto “senza stile ed educazione” le parole esternate dal sindaco nel video in cui, tra l’altro, “ha affermato, additando una foto scattata all’interno della casa di uno stimatissimo consigliere comunale, che sembriamo ad una mangiata di ricotta e che dovremmo provare vergogna e rossore”.

I consiglieri dell’ex maggioranza hanno spiegato i motivi per i quali non sostengono più Calvo. “Da una folta maggioranza iniziale, le persone nel tempo hanno capito che tra le prese di potere, le bugie e la mancanza di comunicazione tra le varie forze politiche e il mancato rispetto di una programma elettorale sottoscritto da tutti ma scritto da altri, e si sono disamorate e allontanate da un progetto che non era comune ma solo personalistico. E oggi chi ha cambiato maglia è proprio la tua pseudo maggioranza perché sei rimasto con 3 degli iniziale consiglieri e hai aggregato forze politiche di opposizione che non hanno condiviso il tuo programma ma per fini forse elettoralistici o personali hanno aderito a questo gruppo”.

Ma nella conferenza argomento principale è stata la problematica della cartellonistica pubblicitaria: “In consiglio comunale il sindaco ha riferito che il giorno prima si era incontrato con il dipendente Marco Adamo, per definire alcune aspetti della problematica. Parlando con il dipendente comunale dopo il consiglio, però, non solo ci ha riferito che il sindaco non ha parlato con lui ma che non si occupava di tale problematica dal dicembre 2016 con l’incombenza che era stata passata al “Suap”. Da qui si evince tutta la pochezza di serietà di questo sindaco che inventa una seria di attività mai poste in essere, illudendo tutta la comunità. In questo casi si, questa è una vergogna”.

I consiglieri comunali hanno altresì annunciato che si recheranno in Procura per denunciare il sindaco in merito ad alcune dichiarazioni rilasciate anche tramite i social network in cui fa riferimento ad alcune “richieste improponibili” che avrebbero proposto gli otto consiglieri per rimanere all’interno della maggioranza. “Siamo persone serie e una dignità da difendere. Per questo ci recheremo in Procura per chiarire tutti gli aspetti di queste affermazioni”.

Nel video sotto il video integrale della conferenza stampa.

 

- Pubblicità -