Con la GymnasticArt lo spettacolo della ritmica incanta Rosolini

1959
- Pubblicità -

Gli applausi del pubblico accorso sabato 1° luglio al Verde a Valle di Rosolini hanno accompagnato le esibizioni delle giovani atlete dall’ASD “GymnasticArt – Ritmica&Danza” di Lusy Macauda, esibitesi in occasione del saggio di fine anno della scuola.

- Pubblicità -

Più di 40 le ginnaste sul palco: dalle coccinelle alle esperte, alcune esordienti, altre invece già distintesi durante l’anno ai campionati regionali. Tutte ugualmente talentuose e belle, protagoniste di una serata che ha regalato forti emozioni.

L’Anfiteatro di Parco Giovanni Paolo II si è trasformato in una pedana magica, tra pailettes, giochi di luci e colori, in cui si è dato prova di bravura e professionalità. Le atlete, dai 3 anni in su, hanno eseguito esercizi a corpo libero e coreografie avvalendosi dei cinque attrezzi della ritmica: palla, nastro, fune, cerchio e clavette, incantando il pubblico. Alcune di loro hanno mostrato gli esercizi preparati per i campionati regionali di ginnastica ritmica, con cui hanno ottenuto il meritato pass per la finale nazionale.

Anche quest’anno le allieve della GymnasticArt hanno volteggiato sulle note dei pezzi più famosi di sempre ma anche sui tormentoni del momento. Applauditissimo, inoltre, l’ingresso sul palco delle mamme di un gruppo di allieve, che si sono esibite sulle note di “A modo tuo”, in una toccante coreografia assieme alle loro figlie. Un momento molto apprezzato che, tra emozione e tenerezza, si è scelto di dedicare alla memoria di Silvana Di Mari, la giovane mamma rosolinese prematuramente scomparsa lo scorso 28 giugno.

Lo spettacolo della ritmica ha lasciato spazio anche all’attesissima esibizione di modern jazz della maestra Lusy assieme a Cinzia Di Rosolini dell’Ass. Spazio 2, e alla moda, grazie alla sfilata organizzata da Classe A Sarabanda abbigliamento 0/16 di Antonella Di Mauro che ha permesso a tanti modelli in erba di portare in scena i capi più trendy della collezione primavera estate.

Un successo per la GymmansticArt a cui hanno contribuito sponsor privati, le famiglie e chi ha collaborato dietro le quinte. Le scenografie del saggio sono state curate da Giusy Renzo, i costumi sono stati realizzati da Concetta Falco, il service di Giuseppe Santacroce, mentre a immortale i momenti è toccato a Giorgio Lorefice (sue le foto allegate). Prezioso il lavoro di coordinamento affidato a Michela Figura coadiuvata da Katia Augello. A presentare per il secondo anno consecutivo la serata conclusiva è spettato alla giornalista Alessandra Brafa, accompagnata dal jolly della scuola, il valletto Gioele Macauda che ha conquistato i presenti con il suo dolcissimo sorriso e una timida innocenza facendo prova di una galanteria innata.

La classica foto di gruppo, la consegna delle targhe, la premiazione di tutte le partecipanti e una dedica speciale alla signora Maria Tirella, mamma di Lusy e “nonnina” delle alunne della scuola, hanno chiuso la serata con un bilancio più che positivo per l’intenso anno di attività di una disciplina, la ginnastica ritmica, che tornerà puntuale il prossimo settembre con tutti i corsi proposti e nuovi importanti obiettivi su scala nazionale da raggiungere.

Il saggio finale – ha concluso Lusy Macauda, maestra della GymnasticArt e tecnico della Federazione Ginnastica d’Italia – è un’occasione importante perché permette alle ginnaste di mostrare i loro progressi e alle famiglie di ritrovarsi dietro la passione delle loro piccole atlete per la ginnastica ritmica. Uno spettacolo che abbiamo offerto alla cittadinanza grazie al contributo dei numerosi sponsor che di anno in anno rinnovano la fiducia”.

 

- Pubblicità -